Archivio Mensile: gennaio 2013

L’apoteosi del disgiunto, tra mutilazioni, barbarie e cineserie della ripresa

alt

L’apoteosi del disgiunto, tra mutilazioni, barbarie e cineserie della ripresa Il mercato immobiliare del Celeste impero, gli stimoli all’economia con il piano di infrastrutture previsto dai suoi governanti, la ripresa della domanda interna e della produzione industriale hanno finalmente trainato al rialzo il Pil cinese, +7,8: mai così in basso da 13 anni a questa […]

Rubare una vita che è?

alt

Rubare una vita che è? Cercate “Aaron Swartz” su Wikipedia: «Aaron Swartz (Chicago, 8 novembre 1986 – New York, 11 gennaio 2013) è stato un programmatore, scrittore e attivista statunitense, co-autore della prima specifica del RSS. Ha co-fondato Reddit e il gruppo di attivismo online DemandProgress. È stato anche un membro del Harvard University Ethics Center Lab. Il 19 luglio 2011 è stato arrestato per aver scaricato migliaia […]

15/01/2013 – I laser persi non si recuperano

alt

Mi sembra proprio che il dolore alla spalla si sia molto attenuato. Certo grazie alle terapie combinate laser e ultrasuoni alle quali sono stato sottoposto. In aggiunta alla terapia laser di durata di cinque minuti per otto sedute, sono stato sottoposto, per analoga durata, alla quotidiana lettura del seguente messaggio posto davanti alla mia postazione […]

VIX ai livelli del 2007: eccesso di tranquillità?

alt

Il VIX Index è diventato negli ultimi anni uno degli indici più osservati dagli operatori che intendano misurare il sentiment del mercato. Non è il solo strumento che deriva dal mondo delle Opzioni (Il Put/Call Ratio, ad esempio, restituisce indicazioni altrettanto interessanti per capire gli “umori” degli operatori) ma è senza dubbio uno dei più […]

L’animale umanizzato: il topo di “Mani”. Il “topo animale” e il “topo uomo”

alt

QUARTA PUNTATA Se in Maria Giuseppa l’identificazione uomo-animale agli occhi del protagonista è instabile e momentanea, diverso è il discorso per il racconto “ossessivo-emotivo” Mani, dove la metamorfosi del topo subentra nella mente del protagonista solo dopo la morte dell’animale stesso e, si potrebbe aggiungere, per mezzo di un processo graduale. Solo dopo la morte […]

L’imperio del medio e il suo campione

alt

L’imperio del medio e il suo campione Confesso di aver visto solo dieci minuti di Berlusconi da Santoro, e in base a quanto visto il Berlusca ha stravinto. Alle due giornaliste che l’hanno intervistato devo dire che non ce la possono fare. Non ci provino più. Eleganti e misurate nel minimalismo smidollato e conformista tanto […]

Update 10/01/2013

alt

Massimo Siano, Head of ITalian Market di ETF Securities   Quali principali evidenze nei mercati delle materie prime ad inizio 2013? Le indicazioni emerse dal Federal Open Market Committee della FED hanno innescato una svendita di Treasury Bond e oro a causa delle preoccupazioni che il programma di acquisto titoli della Federal Reserve possa concludersi […]

“Mamma li turchi”, a salvarci

alt

“Mamma li turchi”, a salvarci Perché le borse l’altrieri abbiano brindato all’accordo sul fiscal cliff, realmente, nessuno lo sa: il deficit USA rimane al 7% del Pil e il giochetto di farlo pagare ai figli s’è incrinato, rotto, fracassato per sempre. Gli americani riparleranno dei tagli automatici alla spesa pubblica e di innalzamento del tetto […]

L’umano animalizzato e l’animale umanizzato: un confronto tra “Maria Giuseppa” e “Mani” di Landolfi

alt

TERZA PUNTATA Maria Giuseppa donna Nella parte finale del “resoconto giudiziario” accade qualcosa che, almeno momentaneamente, fa scattare nella mente del protagonista il processo che porterà all’“umanizzazione” di Maria Giuseppa. In occasione della festa patronale, Giacomo “fa il serio”, fingendo d’interessarsi alle notizie della campagna, e scambia due parole con i coloni. Ma ecco che […]

03/01/2013 – Lumpenproletariat

alt

Sono arrivati con il motorino. Hanno scherzato a lungo e trafficato nei pressi della panchina. Poi non ho più sentito niente. Improvvisamente un’esplosione mi ha fatto tremare la casa. Dalla finestra lo spettacolo era desolante: con una bomba carta hanno divelto e spezzato in due la panchina sotto l’unico albero degno di questo nome dei […]