Archivio Categoria: Editoriali

Il rompicapo che Gigetto non può risolvere

Non tutti i rompicapi hanno una soluzione, quelli che non l’hanno li risolve Gentiloni. Portategli cubi di Rubik a 12 facce, Kakuri a 25.600 caselle, diabolici Sudoki, anagrammi, aptagrammi, antigrammi, insomma portategli tutto quanto vi farebbe esclamare: «Ma qui è un gran casino! Ma come si fa?!», e il buon Paolo, il presidente del Consiglio […]

Un compitino nel giorno dei lavoratori: rileggete l’Articolo 4 – Tra Buster Keaton ed idoli zoomorfi

Costituzione italiana, Articolo 4 La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società. Dal momento che il […]

Patria italiana esiste. Voi?

Una delle cose più divertenti, quando si fonda un partito, oggidì, è interfacciarsi con gli amici giornalisti che la notizia no, non la vogliono dare. La scusa più gettonata è che «il gradimento degli italiani verso la politica e i partiti è ai minimi», riporto con filologica cura dal messaggio di un amico attualmente in […]

Questa cosa non è politica

Sapete cos’è che non va? Che seguitiamo a chiamare questa cosa “politica”. Prima una legge elettorale che avrebbe certamente condotto all’ingovernabilità, o quantomeno all’ingovernabilità “politica” del Paese. Lo si sapeva dapprima, la si è voluta apposta. Poi le finte alleanze impossibili, ma davvero impossibili, come il diventare adulto del barone rampante. E dunque tutto questo […]

I segretari salgono al Colle a chieder tempo. Per i rigatoni con la pajata

«Nessun partito e nessuno schieramento dispone, da solo, dei voti necessari per formare un governo e sostenerlo», afferma il presidente della Repubblica Sergio Mattarella al termine della prima tornata di consultazione al Colle. E pare sia rilevante che anziché andarci in auto blu i segretari di partito ci siano andati a piedi. Ma che ci […]

La politica delle salme. Altrimenti venite a Lecco, il 4 aprile

Quando Umberto Eco mori, in molti si vantarono di non averne mai letto un libro. E questo esplicitò due cose: che probabilmente è vero che i cicli delle civiltà non sono dissimili da quelli naturali – come sostenne per decenni un non troppo ascoltato Alexandre Deulofeu – insomma il rincoglionimento a un certo punto arriva; […]

Facebook e la privacy: quale la pagliacciata più grande?

Lo scandalo Facebook, stretta in Europa e in Usa ai social network, Cambridge Analytica, Steve Bannon, ma di che cosa stiamo parlando? Dell’ovvio, cioè del fatto che i social ci rubano i dati, però ci ordinano di strabuzzare gli occhi, in questo enorme teatrino del simulmondo in cui ogni volta che firmi a tutela della […]

L’intellighenzia di sinistra corre sul carro pentastellato. Ma davvero?

Nel suo fondo sul “Corriere” odierno Paolo Mieli lamenta: «l’incredibile corsa del ceto medio riflessivo della sinistra italiana in vista di un balzo sul carro dei Cinque Stelle nei minuti successivi alla proclamazione dei risultati delle elezioni politiche». Ora, a parte che “riflessivo” sta per “paraculo” e dunque non si capisce che mai ci sia […]

No, non ho votato i tumulatori del Paese

Che questa legge elettorale, il Rosatellum bis, avrebbe prodotto l’ingovernabilità, è cosa nota da ancora prima di quel 3 novembre 2017 in cui la legge venne promulgata. Essa è il frutto, se vogliamo essere benevoli, «dell’assoluta mancanza di un’idea di società, di una direttrice culturale di cui la legge elettorale dovrebbe essere strumento», per usare […]

Non vorrei rovinare la festa, ma devo: Gigi, ma le ricalcoli le pensioni con il contributivo? Sennò di che parli?

Siamo probabilmente l’unico Paese al mondo ad avere un leader antisistema che pare l’incarnazione del sistema stesso, Luigi Di Maio, detto Gigi, che se ti dovessi immaginare il prototipo del democristiano anni ’60 te lo immagineresti così, con nulla fuori posto a parte qualche pensiero. Lo chiamano “aplomb istituzionale” e pare abbia contatto un botto, […]