Archivio Categoria: Le ragioni dei conti-L’opinione del commercialista

L’ignoranza, il denaro e il potere

alt

Il rifiuto di Prometeo a piegarsi ai voleri di Zeus altro non è che la metafora dell’irrisolto conflitto fra il sapere ed il potere. Zeus domina su dei e uomini, tuttavia è ben conscio del fatto che tale potere, per essere mantenuto, deve essere coltivato nel tempo, ma non ne possiede i mezzi. Prometeo invece […]

Il rapporto sulla spesa statale regionalizzata 2011

  Lo scorso 17 ottobre la Ragioneria Generale dello Stato ha pubblicato i dati sulla ripartizione della spesa statale a livello regionale, relativamente al 2011. Al di là del ritardo di quasi due anni con il quale il cittadino ne viene messo a conoscenza (probabilmente se tali dati fossero stati messi a disposizione prima delle […]

L’americano, l’Italia e il sovversivo

alt

«Gli italiani, in pratica, lavorano per 7 mesi all’anno per pagare tasse e contributi, consapevoli che questi soldi non saranno mai spesi bene, ma saranno impiegati per pagare gli enormi stipendi dei politici. In nessun paese d’Europa i politici arrivano a questo livello di spesa. » Così il prof. Edward Luttwak sintetizzò diversi anni fa la […]

Nessuna reale riforma fiscale senza certezza del diritto

alt

Siamo soliti pensare al nostro Paese come la patria del diritto, dove ad ogni cittadino viene lasciato ampio modo di difendersi ed ogni accusato deve essere considerato innocente fino a quando non interviene una sentenza definitiva. Le cose, tuttavia, non stanno esattamente così. Mi piacerebbe, ad esempio, approfondire il tema dell’abuso della carcerazione preventiva ma, […]

La cura Monti

La “cura Monti” ha dato qualche risultato positivo in ambito internazionale, avendo certamente recuperato al Paese un briciolo di credibilità: di questo bisogna darne atto. Con ciò credo tuttavia d’aver esaurito gli elogi, quindi passo direttamente alle critiche. Ritengo inutile insistere sugli aspetti recessivi di una manovra – prima – e di una legge di stabilità […]

Forse qualcosa non torna nei conti di Grilli

alt

Secondo Ministro dell’Economia Vittorio Grilli la proposta del governo in tema Legge di Stabilità porterebbe effetti positivi per il 99% dei contribuenti. Già la semplice enunciazione di una tale tesi lascia perplessi. Da un lato, infatti, l’aumento dell’IVA è generalizzato colpendo tutti indiscriminatamente, dall’altro la riduzione delle aliquote IRPEF favorisce solo le fasce più deboli. […]