L’osservatorio economico di Varini Publishing per dare un valore economico all’economia

alt

di Stefano Masa

L’osservatorio economico di Varini Publishing per dare un valore economico all’economia

L’economia fa sempre parlare di sé. Tutti i giorni su tutti i media sia cartacei che online il termine «economia» è presente. Per alcuni è una scienza, per altri una serie di teorie, per altri ancora invece una sorta di vaso comunicante astratto il cui contenuto è il medesimo ma trasferito da un vettore ad un altro sempre in continuo movimento. I tassi d’interesse e le loro curve, le voci di bilancio di uno Stato con i suoi debiti e crediti, i moltissimi indici e rapporti creati, come le tante altre nozioni ed informazioni ad esse riconducibili, coltivano quotidianamente il terreno fertile della conoscenza di tutti coloro che di «economia» trattano o pensano di trattare.

Dal punto di vista pratico però l’economia non può e non deve essere fraintesa. Qualora malauguratamente avvenisse questo nefasto accadimento il rischio sarebbe molto elevato sia per colui che ne tratta i suoi contenuti che (soprattutto) per coloro che ne sono coinvolti passivamente: nella migliore delle ipotesi in veste di uditori, caso contrario nella peggiore delle ipotesi, in qualità di contribuenti.

alt

Questo nuovo appuntamento, che trova la sua naturale collocazione all’interno del Centro Studi e Ricerche Varini Publishing, avrà l’obiettivo di poter chiarire (umilmente) e divulgare (ambiziosamente) i principali concetti di natura economica o di cosiddetta “economia politica” che caratterizzano la quotidianità di tutti noi.

Agli aspetti teorici, le cui specifiche tecnicalità saranno lasciate a fonti maggiormente esperte, abbiamo preferito invece affiancare ed approfondire le molteplici implicazioni dell’«economia» nella vita pratica di tutti i giorni.

Il linguaggio sarà sempre lo stesso ovvero quello finora adottato: trasparente, puntuale e senza compromessi.

Diamo allora un caloroso benvenuto all’«economia» di Varini Publishing coltivando la speranza che gli stessi lettori possano essere – a loro volta – i suoi migliori ospiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *