Update 07/02/2013

alt

Massimo Siano, Head of Italian Market do ETF Securities

Le recenti dichiarazioni della Federal Reserve hanno sostenuto i prezzi dell’oro?

Sì, nonostante la forza relativa mostrata dall’indice manifatturiero ISM, le revisioni rialziste su beni durevoli e retribuzioni, gli Exchange Traded Commodity (ETC) con sottostante oro hanno visto la scorsa settimana gli investimenti più consistenti da ottobre. Il sentiment verso il metallo prezioso è stato probabilmente supportato dalla dichiarazione rilasciata dal Federal Open Market Committee (FOMC) della Federal Reserve che, nonostante riconosca transitori i fattori che hanno determinato il rallentamento di crescita del pil nel quarto trimestre 2012, ha ribadito di voler rispettare il suo impegno a mantenere condizioni accomodanti di politica monetaria per un periodo esteso di tempo, rimuovendo alcune delle preoccupazioni che volevano un possibile annullamento prima del previsto del terzo round di alleggerimento quantitativo.

Quindi oro sempre più scaccia crisi per gli investitori?

A questo proposito posso dire che gli Exchange Traded Commodity (ETC) di ETF Securities con sottostante oro hanno registrato 185 milioni di dollari USA di investimenti a seguito proprio alle dichiarazioni del Federal Open Market Committee. Il prezzo dell’oro, infatti, rimane sensibile allo stato di salute dell’economia USA. Grazie ad una ripresa della crescita, le aspettative degli investitori sul tasso di interesse sono aumentate, influenzando il prezzo del metallo. Nonostante i “venti contrari”, i bassi tassi di interesse e l’attività di acquisto delle banche centrali rimarranno probabilmente elementi di sostegno per il prezzo dell’oro nel 2013. La Federal Reserve nel frattempo continua a mandare segnali di stimolo all’economia dato che i rischi di ribasso legati alla crescita persistono. Anche alcuni metalli con un’accezione più industriale hanno ricevuto la scorsa settimana consistenti investimenti e ottenuto buone performance di prezzo come dimostrano gli ETC su argento e palladio.

alt

Parlando di metalli industriali, si riferisce anche al rame quando parla di investimenti?

Analizzando i flussi dei nostri investitori direi di no. Sembrerebbe che stiano credendo ad un ribasso di prezzo del metallo costruendo posizioni short attraverso gli Exchange Traded Commodity (ETC). Probabilmente, la delusione sui dati del pil degli Stati Uniti e l’alto livello delle scorte sono stati determinanti. La debolezza economica aggiunta ai recenti guadagni di prezzo hanno spinto gli investitori a considerare il rame da una prospettiva negativa di prezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.