Update 30/01/2014

alt

Massimo Siano, Responsabile Italia e Francia di ETF Securities

Come sempre, partiamo da una panoramica sul mercato delle commodity, in particolare uno sguardo al Gas naturale. 

Gli ETP sul Natural Gas registrano afflussi  grazie al prezzo del  US Natural Gas che ha toccato il prezzo più alto degli ultimi 4 anni. La scorsa settimana ha visto una generale fuga dal rischio sui mercati, che ha continuato anche nella nuova. La svalutazione e la crisi finanziaria in Argentina e unita all’uscita di dati più deboli del previsto sull’attività manifatturiera in Cina a gennaio, oltre ai timori di un potenziale fallimento di un fondo d’investimento cinese hanno sfavorito i metalli industriali, a beneficio dell’oro. Allo stesso tempo il record di temperature fredde negli USA ha portato il prezzo dell’Henry Hub natural gas ai massimi negli ultimi quattro anni incrementando i prezzi del petrolio. Gli investitori sembrano convinti che il rally non possa durare e hanno chiuso le posizioni lunghe sul gas naturale e sugli ETP sul petrolio andando a costruire posizioni short sugli ETP sul gas naturale.

Gli ETP short sul gas naturale hanno visto afflussi grazie al fatto che il prezzo del US natural  gas ha raggiunto il picco più alto degli ultimi quattro anni. Gli investitori sembrano credere il rally del prezzo del gas naturale non possa durare dopo il salto dell’8% nel benchmark statunitense Henry Hub la scorsa settimana a seguito del tempo più freddo registrato  in oltre 100 anni che ha colpito  la costa orientale degli Stati Uniti. Gli ETP long sul natural gas hanno visto 18 milioni di dollari americani di deflussi mentre l’ ETFS Daily Short Natural Gas (SNGA) ETP ha visto 6 milioni di dollari americani di afflussi. Le prese di profitto hanno anche guidato i deflussi pari a 29 milioni di dollari americani sugli ETP long  sul crude oil, con deflussi egualmente distribuiti tra ETP su Wti crude e Brent.


alt

Per quanto riguarda i metalli preziosi, quali tendenze si sono osservate?

L’ETFS Daily Leveraged Silver (LSIL) ha visto gli afflussi più grandi da ottobre in quanto gli investitori lo prediligono per le caratteristiche ibride del metallo. Allo stesso tempo gli ETP long sull’oro hanno visto 35 milioni di dollari americani di deflussi in quanto il prezzo dell’oro la scorsa settimana ha toccato il livello più alto degli ultimi 2 mesi dato che l’avversione al rischio dei mercati emergenti è salita e gli investitori si sono spostati su posizioni percepite come beni rifugio. Thomson Reuters GFMS ha riferito che le previsioni per la domanda di oro potrebbero scendere dell’8% nel primo semestre 2014 rispetto agli ultimi 6 mesi dello scorso anno, guidato da una domanda più bassa nel settore orafo e dagli acquisti della Banche Centrale. Tuttavia, se il divieto di importazione di oro in India fosse revocato come alcuni si aspettano, questi cali nelle previsioni sarebbero probabilmente più che compensati. Allo stesso tempo le miniere di platino appartenenti alla South African Association of Mineworkers and Construction Union (AMCU) hanno scioperato giovedì. Sia i prezzi del platino che del palladio hanno registrato rally in seguito a queste notizie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *