Amministrazione Biden, ovvero… il Conte tris

di Tino Prodi

Il presidente eletto Joe Biden svolta subito a sinistra e punta a tassare i ricchi. E fin qui nulla di strano per l’amministrazione più di sinistra che l’America abbia mai prodotto negli ultimi decenni. Promette 11 milioni di posti di lavoro.

Peccato che il mercato abbia già recuperato 14 milioni di posizioni dei 20 persi. E recupererà gli altri da solo, senza bisogno di aiuti. Perché così funziona l’America. Biden e la Harris hanno lanciato. Il presidente eletto, insieme alla vice Kamala Harris, ha presentato dalla sua Wilmington (Delaware) il piano «per la ripresa e la ricostruzione a lungo termine» dopo la pandemia. Che però richiede di distruggere il settore dello shale oil, quello i cui lavoratori in Pennsylvania a momenti costano l’elezione all’anziano (e un po’ provato) nuovo presidente.

I camionisti delle cisterne che trasportano lo shale saranno “riconvertiti” ad altre professioni. Quanto minacciosamente? Il programma occupazionale prevede una spesa di oltre 7mila miliardi di dollari in dieci anni per riportare sul mercato del lavoro gli americani tagliati fuori dal Covid. In 10 anni? E cosa mangeranno nel frattempo? E la lotta contro le fake news? È in arrivo una nuova forma di censura? E chi decide se una new è fake?

La realizzabilità dei piani del tandem Biden-Harris deve poi conto, tuttavia, della possibilità di un Congresso diviso, nel caso i Repubblicani riescano a mantenere il controllo del Senato, scenario che trasformerebbe il presidente in un’anatra zoppa.

Non vi ricorda qualcosa? Non vi ricorda un governo debole con l’incubo di andare in parlamento? Non vi ricorda il «Buono tutto purché sia di sinistra?». Non vi ricorda il «richiediamo la collaborazione dei cittadini?». Potrebbe essere una sorte di “Conte tris”. Caro Biden, se vuole davvero che l’America si riprenda… non faccia nulla!

Si goda la Casa Bianca e vada avanti pure nei suoi discorsi demagogici, purché non faccia nulla. Gli americani, anche quelli che l’hanno votata, la ringrazieranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *