«La somma dell’intelligenza sulla terra è costante. La popolazione è in aumento»

alt

«La somma dell’intelligenza sulla terra è costante. La popolazione è in aumento»

Il primo dato market mover in arrivo ieri dagli USA era quello delle richieste dei sussidi di disoccupazione relativo alla settimana scorsa: 388.000.

Intendiamoci: non si tratta del numero complessivo dei sussidi di disoccupazione statunitensi, ammontanti ora a 3.320.000, bensì del numero di sussidi richiesto per la prima volta, delle Initial Jobless Claims.

Gli analisti si attendevano 15.000 unità di meno e al Dow scivola il piede sui blocchi di partenza: -0,06. Poi arriva il dato del Pending Home Sales Index, cioè dell’Indice della vendita delle case pendenti, abitazioni che gli acquirenti hanno fermato ma non ancora comprato. Il dato è stato universalmente definito “sorprendente”, e come aggettivarlo diversamente visto che a fronte del +0,5% atteso abbiamo avuto un balzo del +4,1%?

Ora, davanti a questo “sorprendente” dato, come del resto di fronte a quasi ogni sorpresa, possiamo fare due cose: sorprenderci oppure capire. E in questo caso capire non è nemmeno difficile. Con ogni probabilità questo inatteso incremento si deve ai cosiddetti “FHA premiums”, che il 18 aprile sono stati aumentati di 25 basis point. Stiamo dicendo che il tasso d’interesse dei premi pagati dai mutuatari per contrarre un mutuo FHA è aumentato dello 0,25 annuo. E il mutuo FHA lo richiede chi non arriva a versare il 20% di acconto, chi ha un rischio di insolvenza elevato.

FHA è acronimo di Federal Housing Administration (FHA), società privata che fornisce mutui assicurati in tutti gli Stati Uniti. Il nome è fuorviante, quel federal serve solo a mal riporre la fiducia, e lo sanno per primi i suoi responsabili, la cui cattiva coscienza li induce a premurarsi di specificare in ogni pagina del sito: «FHA.com is a private corporation and is not a government agency».


alt

Riepilogando: il dato odierno è “sorprendentemente” positivo per due ragioni infauste: la prima, che fino ad ora non ho citato, è che i parametri di confronto, quelli dello scorso anno, sono i più bassi di sempre; la seconda è che a un maggior numero di persone che non riuscivano a versare un acconto del 20% è stato concesso dall’FHA di accendere mutui più agevolmente a fronte di un maggior guadagno (+ 0,25 basis point annui, vale a dire +0,25%).

A rilasciare l’indice delle vendite delle case pendenti o, per meglio dire, l’indice delle case con contratto in corso, è la National Association of Realtors, vale a dire l’Associazione nazionale degli agenti immobiliari. Si ritiene sia un indicatore affidabile perché solitamente a più dell’80% dei contratti preliminari segue la conclusione della transazione. Ma questa volta, forse, non sarà vero.

Eppure il dato sembrava… «Il vetro rovente ha esattamente lo stesso aspetto del vetro freddo» diceva Arthur Bloch, l’umorista americano compilatore delle leggi di Murphy, fra cui l’Assioma di Cole. Sappiate che quell’uomo è un genio. Perché solo un genio può scrivere: «La somma dell’intelligenza sulla terra è costante. La popolazione è in aumento».

A presto. 

Edoardo Varini

(27/04/2012)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *