«Non c’è nulla di più ingiusto»

alt

«Non c’è nulla di più ingiusto»

Ora dirò la cosa più politicamente scorretta che di questi tempi si possa dire. La dirò per la semplice ragione che mi vergognerei a non dirla. Io suppongo che il lavaggio del cervello sia ormai irreversibile, irrimediabile. Suppongo sia giunto al punto di non ritorno.

Se applaudiamo un premier e ministro dell’economia che vuole aumentare l’IVA, il punto di non ritorno l’abbiamo alle spalle. Il suo superamento è compiuto.

L’IVA fa una sola cosa, indiscriminatamente: colpisce i consumi. E dal momento che i redditi bassi sono interamente destinati al consumo, l’impatto percentuale su quei redditi è più forte. È questo lo spirito di equità sociale che sta muovendo il nuovo governo dei tecnici?

Tutti voi conoscerete Don Milani, la scuola di Barbiana, la Lettera a una professoressa, l’istanza morale assoluta di combattere per il riscatto dei poveri, degli emarginati e dei sofferenti, irriducibilmente. “Con le mani avanti”, come nella poesia di Reverdy («Un’immagine / Bisogna spezzare tutti i ceppi e partire / Con le mani avanti»).

alt

Però forse non sapevate che scrisse questo:

«Povero è chi consuma tutte le sue entrate. Ricco chi ne consuma solo una parte. In Italia, per un caso inspiegabile, i consumi sono tassati fino all’ultima lira. Le entrate solo per burla. Mi hanno raccontato che i trattati di scienza delle finanze chiamano questo sistema ‘indolore’. Indolore vuol dire che i ricchi riescono a far pagare le tasse soltanto ai poveri senza che se ne avvedano. All’università certe cose si dicono. C’è solo signorini. Invece nelle scuole inferiori è proibito parlarne. Non sta bene far politica a scuola. Il padrone non vuole».

«I consumi sono tassati fino all’ultima lira» è l’IVA. È quella che questo governo sta pensando di alzare al 23%.

«Non c’è nulla che sia più ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali.»

Anche queste sono parole di Don Milani. Morte, se nessuno se le ricorda.

 A presto

Edoardo Varini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *