NOTUM: il nuovo modello economico del giornalismo. L’hanno fatto dei ragazzi

alt

NOTUM: il nuovo modello economico del giornalismo. L’hanno fatto dei ragazzi

Ora, con questo mio editoriale, farò una cosa che non ho mai fatto. Aiuterò un’azienda a farsi conoscere. Perché è un’azienda di giovani amici e collaboratori che meritano. Li aiuterò a far conoscere la loro piattaforma per l’editoria giornalistica. La prima multicanale. È una cosa grande. È una piattaforma che può fare il botto, come quella tanto famose dei social: Facebook, Twitter, Linkedin.

Fabrizio, Anna, Marco, i tre giovani amici di cui vi dicevo, sono tutti ventenni, e se a vent’anni ti viene in mente una cosa così, e riesci a metterla in piedi, in Italia, non sei solo un talento fuori dal comune: sei uno che sa muoversi in mezzo a mille difficoltà. Perché questo dà il nostro bello Stato italiano ai giovani con belle idee – questa in verità è fantastica – una sterminata sequela di difficoltà.

Provate a farvi ascoltare concretamente dall’establishment di vecchi o giovani vecchi messi a scaldare la poltrona senza mai confrontarsi veramente con il mercato. Il problema è che la parola “concretamente” nemmeno la conoscono. Provate a chiedere le cifre che davvero servono per mettere in piedi una startup pensata globalmente, per il mondo. Facce stupite. Ti senti dire cose tipo: «Con questi soldi ci compro un attico a Milano o a Roma». Sì, bravo, e in quell’attico sei nessuno. Sei l’incapace che sta dicendo questo. E morirai da incapace.

alt

Be’, no. Io questi ragazzi li voglio aiutare. Anzitutto perché la loro gioventù aiuta me. La gioventù: ve la ricordate miei coetanei? Non è che perché noi l’abbiamo perduta non conta più nulla, vero? Conta sempre allo stesso modo. Se non è un valore la gioventù non è un valore la vita. Perdonatemi se lo ricordo a questo paese che destina risorse prima a chi quello che doveva fare nella vita l’ha già fatto e dopo a chi lo deve ancora fare. Come dare i mattoni a muratori che la casa se la sono costruita da vent’anni e non a chi se la sta costruendo. Pazzesco. Ma non sarà perché poi questi mattoni non vengono spesi e rimangono nei capannoni dei materiali edili (leggi banche) che lo si fa?

Vi dicevo: questi ragazzi li voglio aiutare ospitandoli nella mia villa in Oltrepò. Ci stiamo facendo un coworking fantastico, ben più piacevole di quelli da fighetti di cui è costellata Milano. Ero ieri all’Upbike di via Amperé. Se togli le bici appese è fatto di niente. Carino, per carità. Però questa idea che il luogo di lavoro debba essere a un passo dall’aperitivo… Nella Silicon Valley non è proprio così. È così a New York. Ma a New York si consuma, non si crea. Per questo è la capitale d’Occidente. Costi folli che strozzano tutto. Finzioni. Borghesiane? No: trumpiane. Carissime. Spaccone, anche quando si velano di quell’ostentato minimalismo che alla fine non sai distinguere dalla pochezza.

Vi dicevo che questi ragazzi hanno ideato una piattaforma multicanale per il giornalismo. Si chiama Notum. È una piattaforma win-win, fa vincere tutti. Fa vincere gli editori e le redazioni, che potranno commissionare in ogni parte del mondo ogni tipo di servizio e approfondimento, e fa vincere i giornalisti-reporter, che potranno essere adeguatamente ricompensati, farsi conoscere, proporre al mondo intero i propri servizi. Potete vedere qualche dettaglio in più nei documento che troverete per il download.

Qualcuno si ricorda che cos’è il giornalismo? Lo chiedo perché non se ne vede quasi più. Il giornalismo è stato definito «Uno scheletro cui batte il polso». Guardate che è una definizione strabiliante. L’essenziale pulsante. Perché sia questo occorrono una conoscenza diretta dei fatti, indipendenza, coraggio ed un contesto economico che ti consenta di non doverti asservire per meno di un pezzo di pane. Solo con questi presupporti il giornalismo potrà continuare a svolgere quelle funzioni di informazione e controllo che sono – meglio, dovrebbero tornare ad essere – l’impalcatura stessa del nostro vivere democratico.

Insomma: il giornalismo era qualcosa di fondamentale importanza che stava morendo per l’incapacità di autoprodurre un suo nuovo modello economico Bene, questo modello è arrivato. Si chiama Notum. Come tutte le vere rivoluzioni, è opera di ragazzi.

A presto. 

Edoardo Varini

(03/03/2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.