Sette del mattino, campo da baseball, repubblicano a terra

alt

Sette del mattino, campo da baseball, repubblicano a terra

Sono le 7 del mattino di mercoledì, su un campo da baseball ad Alexandria, in Virginia, vicino a Washington. I giocatori in campo sono un po’ vecchi, perché non sono giocatori, sono i deputati ed i senatori repubblicani che si stanno allenando per non fare una figuraccia alla tradizionale partita di domani al Natonal Park, contro i deputati e senatori democratici. Una partita che si gioca del 1909. 

Il deputato repubblicano della Florida, Ron DeSantis, se ne sta andando dal campo. Viene avvicinato da un uomo bianco con i capelli neri, tra i 40 e i 50 anni, sopra i jeans una maglietta blu. Gli chiede se ad allenarsi siano democratici o repubblicani.

DeSantis risponde «I repubblicani». E quando l’uomo con i jeans e la maglietta blu ricompare lo fa imbracciando un fucile semiautomatico e comincia a sparare. Si vede che i repubblicani non gli stanno simpatici. Colpisce all’anca Steve Scalise, 51 anni, Capogruppo alla Camera, un suo assistente, due poliziotti, un’altra persona.

alt

Un secondo assistente di Scalise si sfila la cintura e la usa come laccio emostatico per fermare l’emorragia del deputato, che se è ancora in vita, in condizioni stabili, è per quel gesto.

Il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, twitta: «Il deputato Steve Scalise della Louisiana, un vero amico e patriota, è stato gravemente ferito ma si riprenderà completamente. I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con lui».

C’è chi dice che l’aggressore sia stato ferito e catturato e c’è chi aggiunge che è morto. Curiosa questa incertezza ad ore ed ore di distanza da un evento capitato nella terra dei media.

Steve Scalise è uno strenuo sostenitore del bando presidenziale contro l’ingresso di immigrati da sei paesi musulmani.

Diranno che l’aggressore è, oppure era, uno squilibrato. Può essere. Quel che però ho notato è che nelle istituzioni si è sviluppata la tendenza a non ammettere la matrice islamica fuorché nei casi in cui è inevitabile. 

Qualche anno fa accadeva il contrario. È la cosa che più fa riflettere. Sono gli effetti della paura. Non gridi «Al lupo, al lupo» a vanvera quando hai i lupi intorno. 

A presto. 

Edoardo Varini

(14/06/2017)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *