Sette punti di spread disarcionano i due Fieramosca del giorno prima

Eccola lì la cosa che manca: il coraggio. Eccola lì la cosa che nessuno dice: la libertà non te la regala nessuno. Ed il diritto all’autodetrminazione dei popoli, se non puoi autodeterminare l’entità e la modalità della tua spesa, è carta straccia.

A tutti coloro che pensavano che l’Italia fosse uno stato sovrano ed a tutti coloro che invece pensavano che non lo fosse ed erano convinti che Di Maio e Salvini avessero le palle per farlo tornare ad esserlo, oggi è giunta l’incontrovertibile, insindacabile, inoppugnabile, inequivocabile risposta: i Savonarola che avete votato davanti all’innalzamento di 7 punti base dello spread fra Btp e Bund si inginocchiano e calano le braghe.

Negano di avere scritto nella bozza programmatica di governo che l’euro dovrà essere messo in discussione e che l’Italia richiederà alla BCE la cancellazione di 250 miliardi di debito pubblico.

Gigetto e Matteo dicono che «La bozza è vecchia e che è stata cambiata in larga parte». Ma non fate ridere. Questo è l’essenza del populismo nazionalista di cui vi siete fatti campioni. E badate bene, non avete sbagliato in questo. Avete sbagliato nel fingervi capaci di cose più grandi di voi.

Altri 10 punti di spread e saremo al balbettio di fronte alla Sovrana Europa.

A presto.

4 pensieri su “Sette punti di spread disarcionano i due Fieramosca del giorno prima

  1. uberto dice:

    Inutile prendersela con quei due , sono l’espressione cultural- politica di questa Italia che non vale più niente. La sovranità ce la siamo giocata quando abbiamo cominciato a spendere senza avere i soldi per accontentare tutte le promesse ,di destra e di sinistra e permettendo la più grande evasione fiscale dell’Europa, accettando di farci governare da ladri e corrotti, confidando sempre nel piccolo padre e nella divina provvidenza. Poi in fondo , guardate al supermercato, al mare o nelle balere con la Franza con la Germania basta che se magna!!! Oggi ci vuole altro che il coraggio e per fare che cosa , se manca e una disposizione di vita e di cultura basata non sull’egoismo , ma sulla solidarietà generale?
    Belle utopie, ma diversamente quando arriverà l’uragano i nostri figli verranno a scoperchiare le tombe per sputarci dentro

  2. Sandro Caramelli dice:

    Sono perfettamente d’accordo ! Mai avrei creduto che saremmo potuti arrivare ad un simile abisso di sudditanza non solo verso l’Europa, ma anche e soprattutto verso la Germania ! Vendendo e poi ricomprando nostri titoli del Tesoro i Tedeschi fanno salire a loro piacimento lo “spread” quando vogliono condizionarci economicamente ed anche politicamente ! Peccato che non si sia ancora trovato in Italia un fac-simile del Generale De Gaulle che abbia gli attributi ed il carisma per fare le, oramai inderogabili, riforme alla Costituzione, alla Legge Elettorale e che sappia rimettere, come dicono in Francia “Le clocher au milieu du village” !

  3. Vittorio Caprioli dice:

    Una cosa come troncare con l’Europa non é una cosa che si annuncia per poi ritirare tutto.
    Che DiMaio sia un totale 8 competente é chiaro. Da Salvini mi aspettavo molta più serietà. Mi sorge quasi il dubbio che il balletto servisse solo a speculare sulle oscillazioni dello spread. Che dire: un’altra brutta figura.

  4. Antonio Damele dice:

    Questo è un momento in cui non esiste “santo” a cui rivolgersi. E’ inutile cercarlo, perché non c’é, nemmeno all’orizzonte. Forse, e dico forse un nome potrebbe essere citato ed è quello di Zaia! Non ha senso parlare di destra o di sinistra, perché parliamo della stessa acqua. In Francia per stoppare Marina Le Pen si sono inventati di sana pianta Macron, con i risultati che possiamo constatare. Del resto cosa aspettarsi dal figlioccio della Merkel? Che bello sarebbe chiudere le frontiere e far pagare chi vuol venire a visitare i nostri musei e la nostra arte!!! Credete davvero che non sopravviveremo? Invece rinasceremo in forza del nostro clima e della nostra agricoltura, anche a costo di dover tornare ad andare a dorso di cavallo o di mulo, ma senza più lo stress di non sapere come andare avanti! E guardate bene che questi non sono pensieri di destra o sinistra, ma riflessioni di uno che per adesso pensa ancora di essere umano, anche se prigioniero!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *