Osservazioni di mercato per la settimana che termina il 1° febbraio

alt

Abbiamo molte trimestrali questa settimana, un incontro del Federal Market Open Committee (FOMC) e, ciliegina sulla torta, il report mensile sul lavoro.

Con molti analisti che dicono che ci troviamo a un top del mercato azionario, gli investitori ansiosi di togliere il denaro dal tavolo e così via. Al momento tutti gli indicatori che seguo sono ancora in territorio positivo, nessun chiaro segnale di vendita. Pertanto il rialzo è ancora nostro amico. Ma ricordate che l’amicizia dura finché durano le condizioni rialziste. Vi è una divergenza nel settore tecnologico, dal momento che sta avendo le stesse performance dell’S&P e i livelli di volume non sono granché. Ma, come recita il vecchio adagio, i massimi richiedono per formarsi più tempo dei minimi.

Abbiamo d’altronde indicazioni di una possibile inversione, una di queste è che ci troviamo alla vigilia del President Day Holiday. Al momento vediamo una certa rotazione settoriale dalla tecnologia verso i trasporti e gli energetici. Titoli come EMC Software (EMC), Seagate Technologies (STX) sono in deciso calo e pare la liquidità si stia spostando sui petroliferi come Baker Huges (BHI) Halliburton (HAL) e Devon Energies (DVN), solo per nominarne alcuni.

Apple è da acquistare?

Molti trader hanno gli occhi puntati sul brutto momento di AAPL, che ha aperto la settimana a 437.83, dando una concreta possibilità a chiunque volesse essere long sotto i 439. Infatti dopo l’apertura è stato scambiato addirittura a 435.86. Se non siete long, vedo ancora una possibilità di acquisto la prossima settimana a 445-425, ma non siate avidi, perché anche se ha davanti un P/E di 7 meno la liquidità, un margine lordo del 39%, entrate in crescita del 17% ed in Cina quasi del 70%, può ancora essere scambiato a un prezzo più basso. Il fatto è che se un hedge fund fosse in margin call e dovesse chiudere la posizione potremmo andare incontro ad un’altra ondata di vendite. E questo potrebbe innescare un’ulteriore discesa fino a 425. È per questa ragione che sarebbe preferibile mediare un po’ nel corso della settimana anziché stare ad attendere il prezzo più basso in assoluto.

Come ho sottolineato, Apple potrebbe essere scambiata a questo livello per diverse settimane e ciò per una serie di ragioni tecniche, una delle quali è che nei grafici c’erano dei gap di prezzo lasciati dall’anno scorso. Di solito dopo una lunga fase direzionale i mercati tendono a fare una pausa e consolidarsi per smaltire aggressivi movimenti di prezzo. Infatti questo è uno degli schemi di trading di cui ho parlato nel mio secondo libro intitolato Candlestick and Pivot Point Trading Triggers della Wiley & Sons.

Dopo una discesa di prezzo così distruttiva dai 705 di settembre fino al recente ribasso vicino a 435, è tipico che i prezzi si consolidino. Quindi siate disciplinati, comprate come professionisti, e cercate di comprare al miglior prezzo medio non al prezzo più basso.

A questi livelli mi aspetto quantomeno un consolidamento, a chiudere i gap che potete vedere nel grafico sottostante. È possibile che chi opera in opzioni applichi la strategia detta “credit spread”, che funziona meglio quando ci aspettiamo una fase di consolidamento o siamo in presenza di una piccola inversione di mercato. 

alt

Buon trading e un caro saluto a tutti. 

John Person

John

http://www.nationalfutures.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *