Il voto spagnolo, la mano invisibile, i bambini ciechi


Dopo le amministrative di Spagna svoltesi domenica, il Partito popolare, la compagine politica del premier Mariano Rajoy, resta la prima forza in 11 delle 13 regioni in cui si è votato, ma è passata dal 40% del 2011 al 26,7%: un salasso.

In forse il controllo di Valencia, Aragona, Castiglia, Mancia e Baleari. Barcellona espugnata da Podemos, un partito nato dall'indignazione verso la politica governativa quattro anni fa. Per strada. Da gente che rivendica di «Non essere marionette nelle mani di politici e banchieri». È vero? Si lo è. È vero che il potere finanziario manovra le politiche nazionali ed è vero che loro se ne sono sottratti. Basta? Non so.

Il segretario generale del partito, Pablo Iglesias, ha 36 anni e lo si sente quando dice che: «Questa primavera è cominciato il cambiamento, quel che è successo in Spagna è un fatto storico».

Tuttavia, se dicessi di essere meno speranzoso, mentirei. Ci credo. Però attenzione: a guidare la politica sarà sempre l'economia ed è dalla riflessione economica che bisogna partire. Bisogna partire dai contenuti. La filosofia morale in questa fase non è meno importante della partita doppia.

Bisogna cambiare le regole del gioco, altrimenti quand'anche la redistribuzione della ricchezza sarà migliorata in forza dell'emergenza e della paura, presto tornerà tutto come e peggio di prima.

Occorre rendersi conto che la Provvidenza in questo mondo siamo noi. Nessun altro che noi. La "mano invisibile" che secondo Adam Smith dovrebbe volgere l'avidità individuale in benessere collettivo è soltanto un'invenzione per fare dormire sonni tranquilli a chi persegue solo e soltanto il profitto.


alt


La superstizione non dovrebbe rientrare nelle teorie scientifiche. E a chi mi obietterà che la Provvidenza è fede e non superstizione, vorrei dire che filosoficamente l'unica differenza tra le due è l'impossibilità della prima di volgere le cose al male. Dal momento che la suddetta "mano invisibile" spesso lo fa, se essa è qualcosa in grado di determinare il fato dovremo ammettere che si tratta di una profezia autoavverantesi: nulla più. E di una profezia che se proprio non vogliamo definire malevola dovremo almeno ammettere totalmente disgiunta da qualunque valenza morale.

Preferisco anch'io la Provvidenza. Ma lasciamola lì. Tanto c'è: non è vero? Sta operando: non è così? Facciamo quell'infinitesimale nulla che possiamo con la nostra illuministica Ragione. E dunque smettiamola di fingere di credere che arricchendo noi stessi arricchiremo il prossimo. L'eterogenesi dei fini è già un concetto un po' bislacco, quando poi sposa la convenienza morale diventa indistinguibile dal più bieco opportunismo.

Una nota locale, perdonatemi. Milanese, per l'esattezza. Ma devo riportare ora questo fatto grave.

Sono passato per caso ier l'altro davanti all'Istituto ciechi di via Vivaio. Li ho visti sul cancello, i bambini ciechi. Un colpo al cuore. The blind girl di Millais. Si tenevano per mano, erano due, benvestiti, bencurati. Tutto bene, a parte gli occhi: inservibili. Si sorridevano.

Apprendo oggi che l'anno prossimo forse non andranno a scuola, perché Regione e Città Metropolitana hanno detto che le loro «attività scolastiche risultano prive di copertura finanziaria».

Sono sicuro che gli stessi che non trovano la copertura finanziaria per l'istruzione dei bambini ciechi si saranno detti scandalizzati per la distruzione delle statue di Hatra.

Sono bambini. Sono vivi, carne e sangue. Hanno un cuore. Piccolo. Come ogni altra cosa che hanno, a parte la malriposta fiducia in noi adulti.

Qualunque cosa possiate dire per giustificarvi a riguardo – decisori delle Istituzioni preposte all'erogazione di questi fondi – si scontrerà con il fatto che sono bambini. Avete bambini? E una volta, anche una sola volta, li avete guardati negli occhi?

A presto.

Edoardo Varini

(26/05/2015)

 

Un trimestre non basta, ma nessuno lo dice


«Fermi come i lampioni. Sempre più immobili. Tutt’uno con le case, ogni cosa bianca, tutto legno».

Alfred Döblin, Berlin Alexanderplatz


Ricordo un bel volume rilegato, che mi regalò un Natale mio zio Gigi, dedicato all'arte degli anni Trenta, e che si intitolava proprio così: Arte degli anni Trenta e poi uno sottotitolo che diceva tutto: L'età dell'ansia.

La cosa che subito me ne colpì, prima ancora di aprirlo, fu che aveva in copertina un dipinto per niente ansiogeno, al contrario, estremamente calmo, direi quasi assonnato.

Un ragazzino impettito e incantato dal lento incedere, una bambina per nulla graziosa con una racchetta e una palla, un uomo reggente una trave, una donna nerovestita di spalle, in una strada irrealmente scorciata.

Perdonatemi, non me ne ricordo l'autore, ma sono certo che qualche mio meno smemorato lettore mi giungerà in soccorso.

Pareva disceso sul mondo una sorta di sortilegio. Un incanto. I critici lo chiamarono "realismo magico", o "nuova oggettività", variamente. Comunque il presupposto di questi dipinti è che le figure che vi compaiono sono come imbambolate, non si attendono nulla di buono.


alt


Da qui l'ansia. Va tutto bene. Sono tutti calmi. Ma, per usare un'espressione un po' popolare ma ben aderente alle cose: «Non ci stanno dentro». Nei loro panni borghesi, nei loro salotti destinati a silenzi, nella finitezza troppo pragmatica delle loro speranze, nella monotonia dell'unica trasgressione ammessa: l'infedeltà.

Mi sono ricordato del volume che vi citavo, del suo sottotitolo, per l'ansia che ho visto oggi affiorare nei media nell'annunciare l'uscita dell'Italia dalla recessione.

È accaduto che l'Istat ha comunicato che il nostro Paese, nel primo trimestre dell'anno in corso, ha avuto una crescita dello 0,3% rispetto al trimestre precedente. Che le previsioni fossero dello 0,2 di per sé non riesce ad entusiasmarmi. È poca roba, comunque la guardi.

Ma a parte l'esiguità del dato, quel che qui vorrei dirvi è che il segno positivo di un trimestre non significa l'uscita dalla recessione. Proprio tecnicamente parlando. Questo non è un segreto. E allora perché tutti lo dissimulano?

A presto. 

Edoardo Varini

(14/05/2015)

 

L'investimento finanziario

di Lucio Sgarabotto e Federico Costalonga

Per un investimento consapevole.


Dettagli...

I grandi investitori

Non si diventa grandi investitori senza essere grandi uomini: è questo è il primo messaggio che ricaviamo dalla lettura del...

Dettagli...

Trattato di money management 

Il money management come scienza. Sapere quanto puntare. Per preservare... 


Dettagli...

Di virtù lira sonante

La massoneria nella sua
storia è riuscita a mettere in
comunicazione fra loro saperi, cultura...


Dettagli...

Trading Moderno

Questo libro tratta delle
due seguenti tematiche:
l’utilizzo di tecniche tradizionali “potenziate” da particolari...

Dettagli...

Candlestick Day Trading

È ideale sia per i neofiti,
sia per i trader già affermati
e i numerosi esempi, semplificano quanto
descritto con le parole...

Dettagli...

Uomini di Trading

Storie di vita e di borsa di due trader professionisti.





Dettagli...

Trading in Opzioni

L’ultimo decennio borsistico ha evidenziato il limite principale di gran parte dei prodotti del risparmio gestito: il saper guadagnare...  

Dettagli...

Neural Trading

Le reti neurali al servizio del trading.
Il confronto con le tecniche
tradizionali. La composizione
di un trading system che...

Dettagli...

Pensare
Dio

Un'introduzione storica
alla filosofia della religione

di Linda Trinkaus Zagzebski, tradotto da Edoardo Varini...

Dettagli...

Il Trading Online

Storia, personaggi e servizi della negoziazione telematica di titoli finanziari. VOL. 1 Dallo Sputnik al World Wide Web...

Dettagli...