Navigando in questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni. OK, ho capito.

E se la firma spettasse al diavolo?


Sulla copertina dell'ultimo numero di Newsweek campeggia un marmoreo Atlante reggente il Globo terracqueo sul groppone, come da divina tonante punizione. Ed il titolo che l'affianca è: «Debito: il mondo ci sta affogando».

Ora, al di là che se si doveva rappresentare mitologicamente l'affogamento esistevano migliori soluzioni – Calamo, Narciso e la più bella: Leandro che muore tra i flutti per non aver più veduto la lucerna della sua amata Ero sulla costa opposta – resta che il faccione affaticato del Gigante la dice lunga su quanto sia difficile vivere con un gravame sulle spalle che nessuno ha intenzione di toglierti da qui all'eternità.

Questa la verità, nella sua disarmante evidenza. Ricordo il titolo di un bellissimo libro (come tutti i suoi libri) di Elémire Zolla: Verità segrete esposte in evidenza. È un po' così: è assolutamente evidente che i nostri debiti stanno crescendo più velocemente della capacità delle nostre economie di farvi fronte e ripagarli. Un bel riquadro nero su Newsweek lo dice chiaro.


alt


E allora? E allora il nostro destino è quello dell'affanno, dell'inutile affanno. Più Sisifo che Atlante, la cui fatica almeno aveva un senso per l'umanità tutta. La fatica di Sisifo, invece, è perfettamente vana, a meno che non si consideri un buon fine la vanità degli dei. Perché a spingere in cima a un monte un macigno destinato a riscivolare ineluttabilmente a valle puoi sentirti soltanto due cose: uno stupido o un dannato. Noi quale delle due?

Alla divinità creditizia abbiamo donato la nostra intelligenza o la nostra libertà? E quanto spreco di vita e di bellezza in questo interminato andirivieni di palline sempre più smorte del pallottoliere in cui uomini grigi senza coraggio e fantasia hanno trasformato il mondo. Riprendercelo, no?

E se invece di seguitare a far patti con il diavolo per un istante di felicità fossimo noi a dettargli condizioni? È probabilmente più semplice di quanto si pensi. È solo un mutamento di prospettiva. O una presa di coscienza. O come meglio volete, ma che sempre significhi smetterla di pensarsi subalterni. Servitori. Assolvitori di obblighi inventati da sciocchi che non hanno nessuna idea di come divertirsi a questo mondo.

A presto.

Edoardo Varini

(31/07/2015)


 

Quadratino non sa far di conto. Ma che gli importa? I conti torneranno comunque, ahinoi!


L'ultima scontatissima trovata: abbattere la pressione fiscale di 45 miliardi in 3 anni: entro il 2018. Nel 2016 via le tasse sulla prima casa (Imu e Tasi), nel 2017 abbattimento di Ires e Irap, nel 2018 riduzione da 5 a 2 delle aliquote Irpef e 80 euro in più a 2,2 milioni di pensionati con assegno inferiore a 500 euro. Un piano attuabile con risorse derivanti dall'ottenimento di maggiori margini di flessibilità sul deficit dall'Unione Europea, rallentando la riduzione del debito pubblico e con la tanto spropositatamente citata "spending review".

È possibile? Certamente è impossibile confutarlo con certezza. E tuttavia, Popper insegna: «L'inconfutabilità di una teoria non è – come spesso di crede – un pregio, bensì un difetto. Ogni controllo genuino di una teoria è un tentativo di falsificarla o di confutarla».

Un'affermazione quale quella del fiorentin fanciullo – come del resto molte altre degli altri campioni delle nostre mature e fors'anche un poco passe democrazie mediatiche occidentali – è indimostrabilmente falsa. Ma non occorre essere un fior di logico per capire che questo non la rende dimostratamente vera. È una cosa, che sta lì. Un'affermazione, vera come ogni cosa possibile: l'ogopogo – tanto per non citare il solito Nessie – del lago Okanagan nella Columbia Britannica, la teoria delle entità viventi submicroscopiche di Edison e gli alieni da Quintumnia dell'Area 51.


alt


Una cosa dimostratamente vera sono invece le cosiddette "clausole di salvaguardia". Allora mi sentirei di consigliare a tutti coloro che credono alle promesse del nostro premier – anche alle più apparentemente implausibili come questa dei 45 miliardi di tagli – di adottare un metodo di verifica empistemologica di carattere bachelardiano. Il riferimento è al filosofo della scienza Gaston Bachelard, il quale sosteneva che la scienza si sviluppa in opposizione all'evidenza.

Se pensate che il vero sia il contrario dell'evidente allora dedicatevi ai testi di questo filosofo e continuate a leggere sulle prime pagine dei giornali le dichiarazioni di Matteo, che a me tanto ricorda Quadratino di Antonio Rubino, con quella testa quadra e quel ciuffo nel mezzo e quel sorriso stampato che se li vedi tutti insieme ti dici chi è? E poi lo sai. È uno che hanno disegnato.

Bene, vorrei dirvi due cosette sulle citate "clausole di salvaguardia", che a parer mio rendono davvero improbabile che il promesso taglio governativo trovi anche un briciolo di grado di realtà. Ma proprio due. Due di numero.

La prima: le clausole di salvaguardia servono a reperire i soldi mancanti per sostenere la manovra finanziaria in caso di errori (capite bene che non differisce in nulla se siano essi in buona o mala fede) di valutazione. Se la spending review non basta (e si sa già che non basta) il governo andrà a prendere i soldi casa per casa, più o meno come gli sgherri dello Sceriffo di Nottingham: aumento Iva, accise sui carburanti, riduzione detrazioni e deduzioni ed altre amenità spazianti dall'aumento della tassazione sui fondi pensione dall'11%  al 20% all' – udite, udite – ripristino del bollo per le auto storiche con anzianità compresa tra i 20 e i 29 anni.

La seconda cosa è che la loro applicazione, l'applicazione delle clausole di salvaguardia, sarebbe automatica. Come tutte le cose stupide di questo mondo.

A presto.

Edoardo Varini

(22/07/2015)

 

L'investimento finanziario

di Lucio Sgarabotto e Federico Costalonga

Per un investimento consapevole.


Dettagli...

I grandi investitori

Non si diventa grandi investitori senza essere grandi uomini: è questo è il primo messaggio che ricaviamo dalla lettura del...

Dettagli...

Trattato di money management 

Il money management come scienza. Sapere quanto puntare. Per preservare... 


Dettagli...

Di virtù lira sonante

La massoneria nella sua
storia è riuscita a mettere in
comunicazione fra loro saperi, cultura...


Dettagli...

Trading Moderno

Questo libro tratta delle
due seguenti tematiche:
l’utilizzo di tecniche tradizionali “potenziate” da particolari...

Dettagli...

Candlestick Day Trading

È ideale sia per i neofiti,
sia per i trader già affermati
e i numerosi esempi, semplificano quanto
descritto con le parole...

Dettagli...

Uomini di Trading

Storie di vita e di borsa di due trader professionisti.





Dettagli...

Trading in Opzioni

L’ultimo decennio borsistico ha evidenziato il limite principale di gran parte dei prodotti del risparmio gestito: il saper guadagnare...  

Dettagli...

Neural Trading

Le reti neurali al servizio del trading.
Il confronto con le tecniche
tradizionali. La composizione
di un trading system che...

Dettagli...

Pensare
Dio

Un'introduzione storica
alla filosofia della religione

di Linda Trinkaus Zagzebski, tradotto da Edoardo Varini...

Dettagli...

Il Trading Online

Storia, personaggi e servizi della negoziazione telematica di titoli finanziari. VOL. 1 Dallo Sputnik al World Wide Web...

Dettagli...