Navigando in questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni. OK, ho capito.

Il Fondo Atlante: ma vi fu mai una più titanica pagliacciata?


Se volete vi dico in due parole come finirà la ridicolissima vicenda del neocostituito Fondo Atlante, che è da quando l'ho sentita che mi viene in mente il vorticare dei massi in caduta sopra la testa dei giganti nell'omonima sala di Palazzo Te, ove chi non c'è stato corra, ché vedrà con ineguagliabile nitore il futuro dell'Italia nel volgere di massimo un anno: la più fragorosa delle cadute.

Bene, il Fondo Atlante è un Fondo di investimento alternativo (e quanto lo è! il lo definirei di disinvestimento) lanciato da un soggetto privato che non sto a ricordare sotto l'egida e con l'entusiasmo del nostrano governo, che in questa favolosa operazione si è sentito di coinvolgere un po' tutti: le due principali banche italiane – Unicredit e Banca Intesa –, le fondazioni bancarie, la Cassa Depositi e Prestiti ed altri istituti minori.

Ha convinto – immagino non gli sia stato difficile – ciascuno di questi soggetti a dare secondo possibilità, con l'obiettivo di giungere a 5 miliardi di euro entro breve, anche se al momento ne siamo molto ma molto lontani.


alt


L'ingresso del Fondo sulla scena del sistema finanziario italiano è stato presentato un po' come quello del Savoia Cavalleria a Guastalla, ma si è capito già al primo squillo di tromba che il secondo sarebbe stato più fievole.

Due sono le finalità di Atlante: sostenere la ricapitalizzazione delle banche italiane e rilevare i loro crediti in sofferenza.

Quanto alla ricapitalizzazione, abbiamo avuto di recente l'intervento sulla Banca Popolare di Vicenza, che la Borsa non ha ammesso alla quotazione perché mancanti «i presupposti per il regolare funzionamento del mercato», dal momento che l'acquisto delle nuove azioni è stato residuale, ben distante dai preventivati 1,75 miliardi di euro. Eccoti allora intervenire Atlante, e caricarsi sul groppone il 99,3% dell'Istituto vicentino.

Tra poco vi sarà la ricapitalizzazione di Veneto Banca e non vi è proprio alcuna ragione al mondo perché le cose debbano andare diversamente. Temo che già in seconda battuta la dotazione del fondo sarà esaurita.

La seconda finalità del fondo, rilevare i crediti in sofferenza, avrebbe dovuto a sua volta trovare sostegno negli interventi legislativi di recente introduzione miranti a velocizzare e facilitare la riscossione dei crediti da parte delle banche.

Epperò si tratta di interventi – ad iniziare dal pegno non possessorio e dall'allargamento del patto marciano – che incidono sulla valutazione dei crediti futuri e non di pregressi. E i pregressi ammontano a 360 miliardi di euro. 

Ha proprio ragione Renzi: «Atlante sarà la soluzione». Ma per due mesi, massimo tre, se proprio gli dei arrideranno ad Atlante. 

Ma mai gli dei arrisero ai titani. A Palazzo Te, lo ripeto, è già stato affrescato l'epilogo da Giulio Romano. 

A presto. 

Edoardo Varini

(05/05/2016)


 

Tra rubagalline e questue di flessibilità: l'Italia


Ora che abbiamo saputo che gli IPhone sono programmati per durare tre anni e i Mac quattro, possiamo chiederci quanto venga fatto per rendere obsoleti anche noi, e farci sentire quel costante disagio che deriva dal mancato aggiornamento, anche se non si sa bene a che cosa. Forse al non avvertire più alcuna indignazione verso gli amministratori ladri, perché il loro numero è soverchiante.

Notizia dell'altro ieri: arrestato il sindaco di Lodi, Simone Uggetti, del Pd, con l'accusa di turbativa d'asta. Non un pidiessino qualsiasi: il fedelissimo e successore del vicesegretario e portavoce del Partito Democratico Lorenzo Guerini, il quale ha immediatamente cercato di vincere un cocente imbarazzo con un'improvvida difesa d'ufficio: «Il mio successore a Lodi? Persona limpida», coma a dire che l'inchiesta altro non è che una baggianata. Bel rispetto per la magistratura, non c'è che dire. Un conto è la presunzione di innocenza, altro la sua certezza. 


alt


Il segretario del partito, invece, nonché Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, replica prontamente che tra le fila della sua compagine non esiste alcuna questione morale. Ne sono convinto: ma che sia perché non hanno più una morale? Il fatto che anche negli altri partiti vi siano gli stessi problemi è di conforto a qualcuno? È di conforto al premier? Proviamo per una volta ad uscire dalla logica del «Fate schifo quanto noi» per entrare in quella dell'«Esiste ancora la virtù civica in questo Paese?». Ricordiamo che questo caso segue di pochi giorni quello del presidente del Pd campano, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa.

Frattanto, mentre noi ci occupiamo dei rubagalline, la Commissione Europea ci ha avvisato che il debito pubblico non asseconderà le rosee previsioni governative e non si ridurrà affatto nel corso del 2016. Anche l'aumento del Pil è stato visto al ribasso: da +1,4% all'1,1%. L'occupazione italiana è sì prevista in aumento ma in termini di ore lavorate e non di numero di occupati: una beffa. Sicuramente otterremo la flessibilità dall'Europa. Altra flessibilità. Padoan Pier Carlo, insisti. Ma se tutti i fattori esterni di cui abbiamo beneficiato fino ad oggi (euro debole, riduzione prezzo petrolio, politica monetaria espansiva come non mai) non hanno minimamente innescato una crescita, significa che il problema non è tanto chiedere comprensione economica ma l'incapacità di pensare economicamente.

A presto. 

Edoardo Varini

(4 maggio 2016)

 

Da Piazza Maggiore ad una nuova destra

di Edoardo Varini

Della Lega, del disastroso governo, del dovere civile.
Dettagli...

I grandi investitori

Non si diventa grandi investitori senza essere grandi uomini: è questo è il primo messaggio che ricaviamo dalla lettura del...

Dettagli...

Trattato di money management 

Il money management come scienza. Sapere quanto puntare. Per preservare... 


Dettagli...

Di virtù lira sonante

La massoneria nella sua
storia è riuscita a mettere in
comunicazione fra loro saperi, cultura...


Dettagli...

Trading Moderno

Questo libro tratta delle
due seguenti tematiche:
l’utilizzo di tecniche tradizionali “potenziate” da particolari...

Dettagli...

Candlestick Day Trading

È ideale sia per i neofiti,
sia per i trader già affermati
e i numerosi esempi, semplificano quanto
descritto con le parole...

Dettagli...

Uomini di Trading

Storie di vita e di borsa di due trader professionisti.





Dettagli...

Trading in Opzioni

L’ultimo decennio borsistico ha evidenziato il limite principale di gran parte dei prodotti del risparmio gestito: il saper guadagnare...  

Dettagli...

Neural Trading

Le reti neurali al servizio del trading.
Il confronto con le tecniche
tradizionali. La composizione
di un trading system che...

Dettagli...

Pensare
Dio

Un'introduzione storica
alla filosofia della religione

di Linda Trinkaus Zagzebski, tradotto da Edoardo Varini...

Dettagli...

Il Trading Online

Storia, personaggi e servizi della negoziazione telematica di titoli finanziari. VOL. 1 Dallo Sputnik al World Wide Web...

Dettagli...