Navigando in questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni. OK, ho capito.

Una bizzarra, smodatamente aziendale e gerarchica idea di democrazia


Il giorno prima dai la libertà di voto, il giorno dopo punisci con 150 mila euro di multa chi disobbedisce. Strana idea di democrazia quella di Casaleggio e Grillo. Insolita concezione di indipendenza intellettuale. Piuttosto manifesta trasformazione di un gruppo di uomini liberi – attraverso un'appartenenza – in gregge. Non è difficile. Ci sono un sacco di sette che lo fanno, ogni giorno.

«Il candidato accetta la quantificazione del danno d’immagine che subirà il M5S nel caso di violazioni dallo stesso poste in essere alle regole contenute nel presente codice e si impegna pertanto al versamento dell’importo di 150mila euro, non appena gli sia notificata formale contestazione a cura dello staff coordinato da Beppe Grillo e Gianroberto». Così si legge in un documento di tre pagine illustrante un decalogo che la deputata Roberta Lombardi ha fatto firmare ai candidati delle amministrative di Roma.

È del tutto palese che si tratta di un documento giuridicamente impugnabile, perché commissaria di fatto sia i consiglieri eletti sia il candidato sindaco M5S, che alla propria coscienza e libertà di opinione dovranno sostituire l'altrui. La trasformazione di uomini in burattini, in automi.


alt


L'articolo 9b prevede la seguente sanzione: «Il sindaco, ciascun assessore o consigliere assumono l’incarico etico di dimettersi qualora sia ritenuto inadempiente al presente codice, con decisione assunta da Beppe Grillo o Gianroberto Casaleggio o dagli iscritti M5S mediante consultazione online», ovverosia mediante un cosa che non può controllare nessuno. E saranno sempre i due diarchi, tramite il loro staff, a vagliare le proposte di nomina dei collaboratori.

Ma c'è anche una parte commerciale, nemmeno troppo nascosta tra le righe, e sta nell'articolo 4b: «Lo strumento ufficiale per la divulgazione delle informazioni e la partecipazione dei cittadini è il sito www.beppegrillo.it/listeciviche/roma», cioè tutte le informazioni dovranno passare dal sito proprietario, e così facendo a spartirsi gli introiti pubblicitari saranno sempre i diarchi.

È del tutto evidente che chi ha ideato e messo in atto questo illiberale controllo del movimento non ha una visione democratica della politica. È del tutto evidente che il Movimento 5 Stelle non è un movimento popolare ma l'espressione di un ristretto gruppo di potere che impiega sistematicamente tecniche di persuasione e coercizione verso i suoi membri.

A presto.

Edoardo Varini

(09/02/2016)

 

Caro Beppe, la politica dei comici è finita. E vale anche per l'altro


Se oggi vai sul blog di Giuseppe Piero Grillo detto Beppe, il noto comico e attivista italiano – non diamo per scontato che tutti lo conoscano perché ogni giorno che passa è meno vero –  ci trovi questo post:

Libertà di coscienza sulla #Legge Cirinnà

La prossima settimana si voterà al Senato per il DDL Cirinnà sulle unioni civili.

Nel disegno di legge è prevista la "stepchild adoption", letteralmente "adozione del figliastro", per le coppie omosessuali. Questo è il punto in cui le sensibilità degli elettori, degli iscritti e dei portavoce Movimento 5 Stelle sono varie per questioni di coscienza. [...]

In seguito alle tante richieste da parte di elettori, iscritti e portavoce M5S su questo tema etico si lascia pertanto libertà di coscienza ai portavoce M5S al Senato sulle votazioni agli emendamenti della legge Cirinnà e alla legge nel suo complesso anche se modificata dagli emendamenti.

E non ci sarebbe nulla di male, se non fosse che fino a ieri dall'interno del Movimento si liquidava con un sorriso di compatimento l'ipotesi che vi fosse una fronda cattolica interna contraria al ddl Cirinnà. Il senatore Nicola Morra diceva che: «Se rimane così com’è voteremo il testo, noi manteniamo sempre gli impegni. E parlare di pressioni del Vaticano nei nostri confronti, francamente…».


alt


E invece non è vero che mantengono gli impegni. Ora, ma non è la prima volta, è dimostrato. Ad iniziare dal comico, che potrà avere ambizioni di governo fino a quando il segno di questo Paese sarà la comicità. Che potrà contendere la leadership politica al premier solamente finché il premier sarà anch'egli un comico.

Non appena le cose si faranno serie, la comicità si dovrà dileguare. Perché la serietà è un altro registro. Prevede indipendenza, prevede autonomia, ed i buffoni di corte non ne hanno. Senza corte, non esistono. Il buffone non ha il coraggio per essere viandante, non è  l'Eremita dei Tarocchi, che vaga in "un ambiente buio e senza stelle" alla ricerca della vera luce. Giuseppe Piero Grillo abbisogna la claque. Ammicca, sbraita, strabuzza gli occhi, gesticola, fa lo spaccone, l'istrione, il veggente ma sostanzialmente fa una cosa sola: il pagliaccio.

Sto dicendo una cosa tecnica. Cerca di strappare al pubblico una risata o lo stupore. La martellata in testa e poi la camminata sulla ruota appesa. Non lo biasimo per questo, ma perché vuol far credere che questo è la politica.

Sul tema della Cirinnà è apparso il vero limite suo e del suo movimento: non ha una visione del mondo che non sia figlia del marketing inautenticamente utopico di una qualunque multinazionale americana.

Girano voci su questo ma non ho gli elementi per provarlo e sinceramente non ne ho bisogno. Non mi interessa. Quando vedo il blog mi chiedo come possa avere tanto successo. Dicono sia il nono più letto al mondo e tuttavia, se anche fosse, questa sarebbe solo la prova del fatto che è espressione di un pensiero omologato e omologante. Che di eversivo ha ben poco. Che mira a piacere.

Lasciatelo dire a me, che sono uno del mestiere. Non avrò la genialità di un Casaleggio, non ne ho i capelli lennoniani né gli occhiali tondi da guru della rete un po' retró, però forse un paio di libri in più li ho letti ed è magari per questo che non ho bisogno di atteggiarmi tanto: il blog di Grillo è insulso, da ogni punto di vista. La strategia comunicativa del M5S va bene per vendere le pentole. Trasuda improvvisazione da ogni angolo.

E soprattutto nessuno all'interno di quel movimento ha la minima idea di che cosa sia un'ideologia. Va bene tutto e il suo contrario. Con il ddl Cirinnà ne abbiamo avuta l'ennesima prova. Dopo il Family Day la stepchild adoption era diventata troppo impopolare.

Ecco dunque giungere provvida la libertà di coscienza. Concessa insolitamente da Grillo, che in precedenza aveva sempre dato prova di un autoritarismo di cui non ricordo traccia in alcun altro partito politico democratico del dopoguerra.

Immagino di vedere ancora qualche capriola. Di sentire grida, colpi di bastone, di scopa, due testate, un inciampo e poi l'inizio di un rapido spegnimento di un movimento che è troppo figlio di uno strumento tecnologico e del conformismo per servire veramente a rifondare.

A presto.

Edoardo Varini

(07/02/2016)

 

Da Piazza Maggiore ad una nuova destra

di Edoardo Varini

Della Lega, del disastroso governo, del dovere civile.
Dettagli...

I grandi investitori

Non si diventa grandi investitori senza essere grandi uomini: è questo è il primo messaggio che ricaviamo dalla lettura del...

Dettagli...

Trattato di money management 

Il money management come scienza. Sapere quanto puntare. Per preservare... 


Dettagli...

Di virtù lira sonante

La massoneria nella sua
storia è riuscita a mettere in
comunicazione fra loro saperi, cultura...


Dettagli...

Trading Moderno

Questo libro tratta delle
due seguenti tematiche:
l’utilizzo di tecniche tradizionali “potenziate” da particolari...

Dettagli...

Candlestick Day Trading

È ideale sia per i neofiti,
sia per i trader già affermati
e i numerosi esempi, semplificano quanto
descritto con le parole...

Dettagli...

Uomini di Trading

Storie di vita e di borsa di due trader professionisti.





Dettagli...

Trading in Opzioni

L’ultimo decennio borsistico ha evidenziato il limite principale di gran parte dei prodotti del risparmio gestito: il saper guadagnare...  

Dettagli...

Neural Trading

Le reti neurali al servizio del trading.
Il confronto con le tecniche
tradizionali. La composizione
di un trading system che...

Dettagli...

Pensare
Dio

Un'introduzione storica
alla filosofia della religione

di Linda Trinkaus Zagzebski, tradotto da Edoardo Varini...

Dettagli...

Il Trading Online

Storia, personaggi e servizi della negoziazione telematica di titoli finanziari. VOL. 1 Dallo Sputnik al World Wide Web...

Dettagli...