Update 31/08/2015

alt

di Massimo Siano, Head of Southern Europe per ETF Securities

Ripristinato lo status dell’oro come rifugio sicuro?

L’oro segna la terza settimana consecutiva di utili e gli ETP sull’oro alla fine rompono una striscia di dieci settimane di deflussi. L’incertezza riguardo la politica monetaria della Cina, la volatilità dei mercati dell’equity e la consapevolezza che l’aumento dei tassi a settembre della Fed non è cosa fatta hanno guidato l’aumento del prezzo. Mentre l’attuale sentiment negativo sta fornendo supporto ai prezzi dell’oro, le prospettive di breve periodo dipenderanno dalle discussioni della Banca Centrale provenienti dal Jackson Hole di questa settimana. Una qualunque azione non morbida è probabile che sostenga il crescente momento per le commodities difensive.

Gli ETP sull’oro vedono i più alti afflussi da gennaio. Gli ETP fisici sull’oro hanno registrato 230.6 milioni di dollari americani di afflussi la scorsa settimana, mentre l’aumento dei prezzi ha sollevato il sentiment  negativo contro il metallo. I future market shorts sono stati anche tagliati per la quarta settimana consecutiva. Mentre una confluenza di fattori ha guidato l’aumento dei prezzi dell’oro, una eccezionale osservazione è stata che il VIX index è cresciuto dell’87% la scorsa settimana, segnalando uno slittamento del mercato dall’avidità alla paura. L’oro è stato tradizionalmente il primo rifugio in tempi di stress del mercato.

Otto settimane consecutive di afflussi degli Etp del petrolio seguono forti declini nel prezzo. La caccia all’affare è continuata la scorsa settimana con 71.8 milioni di dollari americani di afflussi nei long oil ETPs. Il brent è caduto del 5.3%, il WTI del 2.6%, mentre il surplus della produzione globale accelera. Il WTI è caduto al minimo degli ultimi 6 anni e mezzo. Gli investitori in ETP si sono resi conto che tali prezzi bassi condurranno ad una riduzione nel capex e a una eventuale caduta nella produzione, ma per ora le scorte di greggio negli Stati Uniti stanno ancora crescendo, facendo diminuire il prezzo. Le piattaforme di trivellazione continuano anch’esse a riaprire, aumentando l’offerta. Gli investitori in ETP dovranno essere pazienti e sopportare il ritardo nelle risposte dei produttori.

alt

L’ETFS Daily Leveraged Natural Gas (LNGA) registra i più alti afflussi delle ultime undici settimane. Le riserve di gas naturale sono cresciute meno di quanto atteso (53 Bcf contro il 59% atteso), determinando un temporaneo rally lo scorso mercoledì e giovedì. L’attuale periodo di alta domanda stagionale dovuto ai bisogni di aria condizionata nel settore energia arriverà ad una fine in autunno e potrebbe portare ad una pressione verso il basso del prezzo. L’LNGA ha guadagnato 4.3 milioni di dollari americani la scorsa settimana.

Gli investitori hanno tagliato di 4.3 milioni di dollari americani l’esposizione sui long coffee ETP. Con il raccolto brasiliano arrivato vicino alla conclusione, la consapevolezza che la siccità dello scorso anno abbia portato a fagioli di più piccole dimensioni, quest’anno ha determinato la crescita dei prezzi nelle ultime settimane. Tuttavia, un benigno inverno ha minimizzato il pericolo congelamento e così le mancanze del raccolto in qualità saranno sostituite dalla quantità, che ha portato a prezzi più bassi la scorsa settimana. Il caffè soffre la debolezza del Real brasiliano, la quale ha incoraggiato gli agricoltori brasiliani a liberarsi di stock a basso prezzo. Lo zucchero al contrario è cresciuto dell’1.2% la scorsa settimana, mentre preoccupazioni riguardo deboli piogge monsoniche in India potrebbero condurre il mercato in equilibrio per la prima volta in 6 anni. I long sugar ETPs hanno attratto un milioni di dollari di afflussi.

L’ETFS Palladium Trust (PALL) ha visto 12 milioni di dollari americani di riscatti, i più alti da settembre 2014. Con la domanda interna cinese di auto che rimane morbida, le previsioni della domanda globale di catalizzatori, che comprendono il 70% dell’uso del palladio, rimane debole. Comunque, l’inasprimento delle sanzioni sulle emissioni in Europa in settembre potrebbe vedere aumenti nei carichi del gruppo dei metalli del platino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *