Osservatorio finanziario n. 1

di Stefano Masa ideatore e titolare di QuantInvest®

Nella settimana trascorsa l’andamento dei mercati finanziari ha evidenziato quanto siano lontani l’economia e la finanza.

Nei mesi e forse anche negli anni passati, la scorsa ottava avrebbe fatto registrare nuove minusvalenze per i portafogli di chi investe a seguito dell’annuncio di notizie nazionali ed internazionali non certo positive. Nel dettaglio: i dati dell’economia cinese hanno confermato una frenata per la seconda volta consecutiva evidenziando tutte le fragilità del sistema; Fitch toglie la tripla A al fondo salva-Stati; debolezza dell’indice che misura la fiducia dei consumatori sull’economia tedesca (indice Zew) che è sceso a sorpresa a 36,3 rispetto ai 39 punti attesi; nuovo record del debito pubblico italiano a 2.074 miliardi con lo spread Btp/Bund che sfiora i 300 punti; Banca d’Italia rivede (al ribasso) le stime del Pil e della ripresa economica del paese; asta dei titoli di stato portoghesi con rendimenti in rialzo a seguito delle dimissioni del Ministro delle Finanze la settimana precedente; nel suo discorso Ben Bernanke conferma solo quanto già detto in precedenza; la Bce estende la lista di garanzie che le banche possono utilizzare per incentivare la cartolarizzazione dei prestiti ma senza definire nulla sull’argomento, ecc.

Oggi però la maggior parte delle notizie che abbiamo avuto hanno trovato il riscontro da parte degli operatori come “notizie già scontante dai mercati” quale semplice motivazione per giustificare l’andamento decisamente positivo dei mercati finanziari.

Da investitore che cerca di limitare la propria emotività privilegiando l’approccio quantitativo ai mercati, mi chiedo allora – ed estendo anche a voi il quesito – a quale variabile possa corrispondere l’essere scontato o meno un dato e/o una notizia e soprattutto se all’equazione “essere scontato” quando i mercati salgono può corrispondere il “non essere scontato” quando i mercati scendono.

Consapevole dalla provocazione vi auguro buon proseguimento nella lettura, di certo “non scontata”.

Arrivederci alla prossima settimana.

Stefano Masa – info@quantinvest.it

Scarica Osservatorio finanziario n°1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *