19/09/2013 – Odisseo, l’astuto impulsivo

alt

«Alle Sirene non sfuggì l’agile nave / Che s’accostava: e un armonioso canto intonarono. / “Qui, presto, vieni, o Glorioso Odisseo, grande vanto degli Achei, / ferma la nave, la nostra voce a sentire. / Nessuno mai si allontana di qui con la sua nave nera, / se prima non sente , suono di miele, dal labbro nostro la voce; / poi pieno di gioia riparte , e conoscendo più cose».

Era Odisseo uomo di grande impulsività. Ma, sapeva Odisseo escogitare pratiche atte a contenerla: fu cera nelle orecchie ai compagni e corde che lo strinsero «dritto sulla scarpa dell’albero».

Il volontario impedimento all’impulsività il farsi legare mani e piedi di Odisseo) e l’avveduto preventivo impegno delle proprie risorse al fine di  impedirsi nuove sollecitazioni  (l’aver riempito le orecchie di cera dei suoi compagni)  –  sono secondo l’economista Robert Strotz una valida strategia per cogliere obiettivi di lungo periodo.

È, quella indicata dall’economista americano, una strategia interessante per chi, avendone disponibilità e motivazioni,  con fatica si sottrae al canto delle sirene del consumo impulsivo.

La strategia è coerente alle forme di risparmio definite “contrattuali” che affiancano, differenziandosene per minore volatilità, le forme “discrezionali” nelle quali emerge preponderante  l’iniziativa del singolo risparmiatore.


alt

Riconosco l’efficacia  del ricorso alle forme di “risparmio forzoso”  ma la meccanicità che deprime la piena consapevolezza dell’atto di risparmio mi crea delle peplessità.

Ho constatato  l’esiguità, prossima allo zero, dei risultati di troppi interminabili accumuli di microimporti mensili finalizzati al risparmio previdenziale per non comprendere l’accumulo meccanizzato, spesse volte, si trasforma in un’arma a doppio taglio per il risparmiatore. E ho militato per troppo tempo in ambito di distribuzione finanziaria assicurativa per non conoscere proprio come su queste forme di  “risparmio forzoso” l’incidenza dei costi era spesse volte insostenibile.

Sono peraltro convinto che queste formule implementate in piena consapevolezza dal risparmiatore e con il controllo periodico facilitino l’instaurarsi di una pratica positiva e possano favorire l’ottenimento di gratificanti risultati.

Odisseo legato «dritto sulla scarpa dell’albero»  e i suoi compagni dalle orecchie zeppe di cera hanno avuto salva la vita.  Ma  solo Odisseo, «per valore, astuzia e prudenza» coglie il risultato assoluto: «la voce bellissima» delle sirene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *